Migliorarsi, crescere e star bene con sé stessi: il nuoto Uisp per adulti e bambini

Cresce sempre più l’attività del nuoto Uisp Bologna un pilastro importante dell’associazione, in aumento negli ultimi tempi.

Nell’addentrarci in questa disciplina e cogliere al meglio alcune sfumature, ci siamo rivolti a Monica Crovetti, Responsabile del Centro Nuoto Uisp Stadio.

Il primo dato è quello sulla partecipazione dei bambini che si approcciano al nuoto. Un aiuto importante, sottolinea la Crovetti, parte dai genitori che, rispetto agli anni precedenti, hanno finalmente iniziato a capire l’importanza del nuoto non solo sotto l’aspetto della sicurezza (il cosiddetto “imparare a nuotare”), ma soprattutto sotto l’aspetto della crescita fisica e dei benefici che questa disciplina comporta. Ai bambini vengono accostati gli adulti, anche loro in forte aumento: c’è chi è consapevole di non saper nuotare come si deve e vuole acquisire una maggiore sicurezza (soprattutto per quando si va in vacanza), chi decide di migliorare la propria autostima traendo benefici questa attività o chi ha necessità di migliorarsi e vuole perfezionare il proprio stile di nuoto.

I buoni propositi derivano sicuramente dall’ottima qualità offerta dalla Uisp, in particolare sugli istruttori: la maggioranza ha un brevetto Uisp ottenuto tramite il corso di formazione che l’associazione offre. A questo bisogna aggiungere che gli istruttori sono in costante aggiornamento su tutte le diverse attività che vengono svolte in piscina: dal nuoto all’acquagym bisogna avere una formazione completa a 360 gradi, con ampia soddisfazione da parte di tutti i tesserati per il lavoro svolto.

È uno sport che sta andando sempre di più”, specifica la Crovetti, che mostra anche l’arrivo di bambini stranieri, cosa molto bella. Il tutto nasce dalle famiglie, propense e stimolate nell’iscrivere i propri figli anche grazie al fatto che i compagni di scuola frequentano corsi di nuoto e ciò rappresenta un traino importante. Inoltre, la presenza di tanti nuovi nuotatori comporta un’integrazione naturale tra bambini. Conquiste importanti anche per la ginnastica in acqua, destinata a persone non in salute e che ne riconoscono il beneficio. Una new entry è rappresentata dagli atleti che praticano il triathlon (disciplina articolata su tre prove di corsa, nuoto e ciclismo) che hanno nel nuoto un punto debole e vogliono migliorare.

Guardando al futuro, conclude la Crovetti, la speranza è che sempre più persone capiscano i risultati dati dalla continuazione di questo sport, che molto spesso vive momenti di interruzione soprattutto nel periodo invernale e che rivede la luce soltanto in primavera. L’obiettivo è cercare di far capire che lo sport è uno stile di vita giornaliero e che il movimento non va in letargo. Fortunatamente questa filosofia sembra aver preso piede poiché, negli ultimi anni, molti tesserati regalano una presenza continua anche nel periodo più freddo: una piccola conquista che aiuta in positivo questa disciplina sportiva.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email