Basket Uisp Bologna: nuove idee, più eventi dedicati e sviluppo del basket giovanile e femminile

Una bella realtà quella targata Basket Uisp Bologna, attività coordinata da Fabio Frabetti, Responsabile di questa struttura di attività.

Dai dieci ai settant’anni vi è la possibilità di poter fare sport, a seconda del campionato di riferimento: da quello amatoriale, passando per quello Over 50 e 60, sino ad arrivare alle iniziative estive del 4 vs 4 e del torneo estivo regionale che si tiene a San Lazzaro di Savena. Una presenza importante sul territorio, sottolinea Frabetti, che ad oggi registra la presenza di 21 società per il campionato amatoriale, 12 società per quello over 40 e 6 società per il campionato Over 50. Importante ricordare anche i tornei gratuiti per i ragazzi dai dieci ai venti anni: un dato non banale, che mostra un’ottima gestione strutturata in tutti i livelli di questa struttura di attività.

Alla partecipazione va sicuramente unita la passione per questo sport, con ampia soddisfazione sia delle società che dei tesserati e per le prime (le stesse da trentacinque anni) difficilmente si denota un abbandono poiché si trovano molto bene con il mondo Uisp. A questo si aggiunge la soddisfazione del tesserato: chi gioca lo fa fino a quando il fisico glielo permette e non mostra segni di abbandono. Il ricambio generazionale, nonché l’aggiunta di nuovi iscritti, passa attraverso i giovani che vogliono creare una squadra. Trapela soddisfazione da parte dei tesserati, specifica Frabetti, soprattutto per le tante novità che proponiamo e per l’impegno che mostriamo: la presenza di un riferimento costante, le strutture online, la creazione di trasmissioni ed eventi dedicati a questo sport, sono sicuramente le nostre armi vincenti attuali e per il futuro che verrà.

Prende piede anche il lato femminile di questo sport, tra basket giocato sul parquet e basket arbitrato. Per il primo, si è al lavoro per sviluppare una sezione prettamente femminile: i primi segnali vedono l’apertura alle donne nei campionato over e under con la creazione di ulteriori iniziative per favorire questo settore sul territorio. Dal lato direzionale, invece, le quote rosa sono presenti già da un po’ di anni, con arbitri maschili e femminili: parliamo di una classe arbitrale non legata solo al mondo Uisp, ma anche alla FIP (Federazione Italiana Pallacanestro) e ad altre associazioni appartenenti a questo settore sportivo.

Per il futuro, conclude Frabetti, cercheremo di lavorare ulteriormente sul basket giovanile e femminile: rilanciare il primo e far crescere il secondo, nonché creare ulteriori iniziative estive. In questo avrà un grande ruolo la Uisp, dove all’interno si vive un totale rispetto per questa attività sportiva che va oltre il campanilismo del basket professionistico: la condivisione di nuove idee e input da proporre e l’ascoltare i punti di vista delle società, possono rappresentare un ulteriore salto di qualità per il basket targato Uisp Bologna.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email