Menu

Sara Sgarzi al lavoro per il nuovo esercizio da presentare ai Mondiali

Una composizione musicale ispirata alle quattro stagioni e una presenza scenica studiata in laboratorio. L’esercizio in acqua che diventa interpretazione e va oltre l’esecuzione. Novità assolute per il nuoto sincronizzato azzurro che si rivolge sempre con maggiore attenzione al mondo del teatro e del cinema per migliorarsi e proporsi al grande pubblico con un appeal più forte. Il progetto della Nazionale di nuoto sincronizzato è mirato ai prossimi campionati del mondo a Kazan. Era iniziato tre mesi prima degli Europei di Berlino con il coinvolgimento dell’attore e regista di arte drammatica Enrico Zaccheo e sta proseguendo con l’ingresso nel team del musicista e compositore Michele Braga. Due personaggi del mondo del teatro, del cinema e della musica pop che hanno sposato l’iniziativa con entusiasmo e disponibilità mettendo le loro professionalità a disposizione della selezione azzurra di sincronizzato.
La prima verifica del nuovo lavoro, avviato dal commissario tecnico e coordinatore delle squadre Nazionali Patrizia Giallombardo, è prevista a Parigi dal 13 al 15 marzo in occasione del Paris Open e i primi risultati sono attesi la prossima estate ai Mondiali in Russia (25 luglio-1 agosto).
Poi si proseguirà insieme verso l’obbiettivo olimpico. Le prime sedute di lavoro si sono concluse il week-end passato a Savona, in occasione del raduno collegiale al quale ha partecipato anche l’atleta del Circolo Nuoto UISP Sara Sgarzi.
“Questa nuova collaborazione è molto stimolante – spiega il CT Giallombardo – e il lavoro si estende a tutti gli esercizi con un’attenzione particolare rivolta alla squadra e al doppio, le prove olimpiche. Le ragazze partecipano con interesse, curiosità e spirito di sacrificio”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email