Menu

I Mondiali di Sincro

SHANGHAI – Dopo il Mondiale del nuoto acque libere, si conclude anche quello del nuoto sincronizzato. Il gran finale è dedicato al libero della squadra. Sara Sgarzi e le azzurre si confermano al settimo posto con 90.870 punti, non raggiungono i 91 alti che volevano ma sono comunque soddisfatte dei miglioramenti tecnici che continuano ad ottenere. L’atleta del Circolo Nuoto UISP ha salutato il pubblico di Shanghai indossando un costume velatissimo con intarsi verdi e oro e muovendosi, eleganti, sulle note degli ormai “fedelissimi” X Ray Dog. A seguirle sul bordo della piscina il Direttore Tecnico della Nazionale Laura De Renzis e i tecnici Roberta Farinelli e, più defilata, Yumiko Tomomatsu.
L’esercizio dell’Italia è durato 4’06”7 e quando le otto ragazze sono uscite, accompagnate dalle note di “O’ sole mio”, si sono abbracciate tra di loro e con i loro tecnici. Con il Mondiale è terminata anche la stagione agonistica. Domani si torna in Italia e poi sarà tempo di vacanze. “Prima mi aspettano due settimane in caserma, a Nettuno – dice il capitano della squadra Manila Flamini, tesserata per le Fiamme Oro – per un corso di tiro. Adesso sono agente in prova, a dicembre diventerò agente di Polizia. Finito il corso parto per la Sardegna. Dopo una settimana avevamo le gambe un po’ pesanti. Abbiamo lavorato bene e rispetto ai Mondiali di Roma 2009 siamo cresciute come gruppo e migliorate tecnicamente”.
E’ sorridente anche il tecnico federale Roberta Farinelli. “Ci aspettavamo un punteggio maggiore ma essere partite nel secondo gruppo ci ha penalizzate. Le spinte non sono state altissime ma dopo sette giorni intensi sono state brave”.
Il Direttore Tecnico della Nazionale Laura De Renzis traccia il bilancio. “E’ importante che il gap con Ucraina e Giappone non aumenti. Ciò che mi è piaciuto di più in questo Mondiale è l’aver constatato miglioramenti in tutte le finali ed esserci riuscite in una manifestazione così lunga vuol dire aver mantenuto la concentrazione dalla prima all’ultima gara. D’ora in poi dovremo riuscire a fare anche degli ottimi preliminari. Lavoreremo in quella direzione”.
Ha vinto di nuovo la Russia con 98.620, seguita dalla Cina con 96.580 e dalla Spagna con 96.150. Il Messico, che ha presentato una corografia di arti marziali, ha ripetuto l’esercizio perché sott’acqua non si sentiva la musica. La prima volta aveva ricevuto 85.440, la seconda 85.730. “E’ la prima volta che fanno ripetere un esercizio”, conclude De Renzis. La pre-swimmer è stata l’Olanda con 4’08”5 che le sono valsi 83.990 punti. La cerimonia di premiazione ha congedato le delegazioni del sincronizzato.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email