Derby alla Casa Circondariale

Derby alla Casa Circondariale

DERBY ALLA CASA CIRCONDARIALE

Il 1° Torneo Illumia è stato scelto come evento conclusivo del progetto LE PORTE APERTE, che Uisp di Bologna insieme ad altri 8 comitati dell’Emilia Romagna hanno realizzato nell’anno sportivo 2015/2016.

Un primo derby in casa Bologna Rugby 1928 tra i Giallo Dozza (team composto da detenuti) e Balanzoni (squadra iscritta al campionato Uisp) si terrà sabato 25 Giugno con calcio d’inizio alle 14.30, sul campo della Casa Circondariale di via del Gomito 2 a Bologna.

Stampa

Alla presentazione presso l’Hotel Savoia Regency sono intervenuti Stefano Cavallini (Presidente Giallo Dozza Bologna), Matteo Carassiti (Trading Partner di Illumia Trend), Massimo Ziccone (Direttore dell’Area Educativa della Casa Circondariale di Bologna), Francesco Costanzini (Uisp), Elisabetta Laganà (Garante comunale dei diritti delle persone private della libertà personale), con la conduzione di Davide Grilli (Presidente della Consulta comunale dello sport).

In sala presenti dirigenti e tecnici di Giallo Dozza e Balanzoni.

Ecco una sintesi delle dichiarazioni:

Stefano Cavallini “I ragazzi del Giallo Dozza praticano uno sport come il rugby perchè fornisce loro la disciplina necessaria per stare in una collettività e soprattutto crea valori importanti. Noi li aiutiamo ad essere una squadra vera che tramite lo sport deve rapportarsi con altre realtà per familiarizzare e socializzare, così facendo eliminiamo ogni tipo di pregiudizio in favore dell’amicizia”

Matteo Carassiti “Grazie a mio figlio che gioca a rugby mi sono lasciato coinvolgere da questo sport e scoprendo questo mondo ricco di intelligenza, umanità e di gioco di squadra abbiamo deciso di aiutare a promuovere la socialità e quale miglior contesto se non quello dei Giallo Dozza. Siamo felici e orgogliosi di far parte di questo progetto”

Francesco Costanzini “La Uisp Sport Per Tutti è da sempre promotrice di valori di inclusione e il nostro lavoro in tal senso nelle carceri parte da molto lontano. Siamo contenti di far parte di questa rete di sostegno che aiuta a promuovere e a migliorare lo stile di vita di questi ragazzi”

Massimo Ziccone “Il rugby è lo sport educativo per eccellenza, noi ne condividiamo in toto i valori e vogliamo che i ragazzi si misurino con essi soprattutto per non rimanere isolati e anzi sviluppare forme di condivisione sociale tramite questo sport”

Elisabetta Laganà “Il nostro obiettivo tramite queste iniziative è il recupero del senso di responsabilità di cui vengono privati questi ragazzi con la detenzione”

Davide Grilli “Lo sport è al centro della nostra consulta e io sono onorato di aiutare queste realtà tramite la promozione dell’attività sportiva guardando al futuro dei ragazzi con fiducia e positività”

La cartella stampa