Link Veloci
Social media
Info in Pillole
Sede del Comitato

Via della Industria 20, 40138 Bologna

Orari di Apertura

09:00-19:00 (orario cont.) Lun-Ven.

Email

uispbologna@uispbologna.it

Telefono

+39 051 6013511

Fax

+39 051 6013530

Partita IVA

04189980370

Codice Fiscale

80067270373

All'interno della pagina troverete il modello EAS e le istruzioni per la sua compilazione, nonchè la normativa di riferimento.

1) Che cos'è il modello EAS.

L’articolo 30, comma 1, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, ha introdotto un nuovo onere per le associazioni (e società sportive dilettantistiche) che usufruiscono delle agevolazioni fiscali previste dall'art. 148 del TUIR., di comunicare all’Agenzia delle entrate dati e notizie rilevanti ai fini fiscali, mediante un apposito modello (modello Eas).

2) I soggetti tenuti:

Secondo il testo normativo sarebbero tenuti a tale comunicazione i seguenti soggetto:

a) enti associativi che svolgono attività commerciale;
b) le società sportive dilettantistiche.

"3. L'onere della trasmissione di cui al comma 1 e' assolto anche dalle societa' sportive dilettantistiche di cui all'articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

3-bis. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano alle associazioni pro loco che optano per l'applicazione delle norme di cui alla legge 16 dicembre 1991, n. 398, e agli enti associativi dilettantistici iscritti nel registro del Comitato olimpico nazionale italiano che non svolgono attivita' commerciale".

L'Agenzia delle Entrate con Circolare 45/E del 29 ottobre 2009 ha però specificato che le associazioni che svolgono attività strutturalmente commerciali, defiscalizzate in virtù della normativa fiscale (es. corsi sportivi) sono comunque tenute all'invio del Modello Eas.

Nei casi dubbi il Nostro consiglio è quello di inviare comunque il modello Eas. Per maggiori informazioni l'ufficio è disposizione degli utenti Uisp.

3) Termini di presentazione.

Di seguito i termini per la tempestiva presentazione del modello, già più volte prorogati:

  • entro sessanta giorni dalla data di costituzione, per gli enti di nuova costituzione, ovvero costituiti 60 giorni prima del 31 marzo 2011;
  • entro il 31 marzo 2011, per gli enti già costituiti alla data di entrata in vigore del decreto-legge n. 185 del 2008 (29 novembre 2008); e per quelli per cui il sessantesimo giorno dalla costituzione scadeva prima del 31 marzo 2011.

4) Variazioni

In caso di variazione dei dati precedentemente comunicati, il modello Eas deve essere nuovamente presentato entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione. Per l'invio della comunicazione - nella quale vanno inseriti tutti i dati richiesti dal modello, anche quelli non variati - va utilizzato il prodotto informatico "ModelloEas", reperibile gratuitamente sul sito dell'Agenzia.

Con la risoluzione 125/E del 6 dicembre 2010, l'Agenzia delle Entrate ha specificato che le associazioni sono esonerate dall'invio di un nuovo modello Eas nell'ipotesi in cui siano cambiati i dati identificativi del rappresentante legale o dell'associazione stessa e tali modifiche siano state già comunicate attraverso i quadri B (Soggetto d'imposta) e C (Rappresentante) dei modelli:

- AA5/6 per i soggetti non titolari di partita Iva;
- AA7/10 per i soggetti titolari di partita Iva.

I modelli possono essere presentati direttamente, o mediante raccomandata, a un qualsiasi ufficio dell'Agenzia delle Entrate, oppure telematicamente dagli interessati o servendosi di un intermediario autorizzato.

Infine, va ricordato che, nel caso in cui l'associazione perda i requisiti per usufruire dei benefici fiscali, il modello Eas va ripresentato entro 60 giorni, compilando l'apposita sezione "Perdita dei requisiti".

5) Modalità di Presentazione.

Il Modello EAS potrà essere trasmesso esclusivamente per via telematica, secondo una duplice modalità:

a) direttamente dall’Associazione vincolata a tale obbligo, attraverso il servizio Entratel (per i soggetti già abilitati), ovvero mediante il servizio telematico scaricabile dal sito dell'Agenzia delle Entrate (per tutti gli altri soggetti);

b) a mezzo di intermediari abilitati quali professionisti, associazioni di categoria, C.A.F.

N.B. L’Agenzia delle Entrate ha precisato che le associazioni sportive dilettantistiche iscritte al Registro Coni possono presentare il modello Eas in via semplificata ovvero “ridotto”, limitandosi a compilare solo alcuni punti.

Per ogni ulteriore informazione visitare il sito www.agenziadelleentrate.it o cliccare il seguente link: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/portal/entrate/cosa_devi_fare/


 

Newsletter del Comitato

SETTORE FITNESS

Settore Fitness

Archivio Newsletter